Nuove indicazioni per la gestione dei casi COVID

Gent.li famiglie,

il DL 24 del 24/03/22, finalizzato a consentire un graduale ritorno alla normalità dopo la fine del lungo periodo di emergenza COVID, ha modificato le norme per la gestione dei casi di positività nelle classi.

In particolare, dal 1° aprile:

  • I contatti delle persone positive non sono più tenute a rispettare l’isolamento, rimarranno a casa solo gli alunni effettivamente positivi al COVID
  • La DAD (didattica a distanza) potrà essere attivata solo per gli alunni postivi al COVID e costretti all’isolamento, su espressa richiesta delle famiglie e su presentazione di ”specifica certificazione medica attestante le condizioni di salute dell’alunno medesimo e la piena compatibilità delle stesse con la partecipazione alla didattica digitale integrata”. Tale certificazione va fatta pervenire direttamente ai docenti di classe (non alla segreteria). I docenti attiveranno la DAD per l’alunno malato. Il motivo di questa restrizione della possibilità della DAD è da ricondurre all’intenzione di avere tutti gli alunni in presenza, e non favorire modalità didattiche a distanza in sostituzione della normale frequenza scolastica.
  • Per rientrare a scuola è sufficiente presentare un tampone con esito negativo.
  • Con 4 o più casi di positività in classe, sarà necessario portare la mascherina FFP2 per 10 giorni
  • Continua ad essere necessaria la mascherina chirurgica sia in classe, sia all’esterno se si prevedono assembramenti. Sono esclusi dall’obbligo i bambini delle scuole dell’infanzia.
  • Le attività sportive si svolgono senza mascherina
  • Per l’accesso ai mezzi di trasporto (treni e pullman) è sufficiente il green pass base (+ mascherina FFP2), così come per accedere ai ristoranti. Questo facilita la partecipazione di tutti alle uscite didattiche, per lo meno quelle giornaliere.
  • Per accedere ai locali scolastici è sufficiente il green pass base, che viene controllato all’ingresso.

Pur con la necessaria prudenza, confidiamo tutti che il percorso di ritorno alla normalità non subisca interruzioni.

                                                                                                              LA DIRIGENTE SCOLASTICA, Bruna Codogno

Torna su